L’AUTRICE

PER SAPERNE DI PIÙ SU DANIELA

Daniela Carelli è nata a Napoli e vive a Milano dal 2000.
Laureata all’Accademia di Belle Arti, ama da sempre la lettura e la scrittura, la musica e l’arte. Ama definirsi una “donna multitasking” (polifunzionale).

Nasce come cantante e collabora con artisti quali Edoardo ed Eugenio Bennato, Peppino di Capri, Bocelli, Audio 2, e tanti altri.

Creativa a 360°: ha lavorato nella grafica pubblicitaria come art director e video editor copywriter. Attualmente è scrittrice e blogger: www.danielacarelli-books.it

Cantautrice e vocal coach (insegnante di canto); suo il metodo originale VoicEmotion®: www.danielacarelli.it

Nel 2011 esce il suo romanzo d’esordioVolevo fare la segretaria” edito da Sassoscritto Editore.
Visita il sito: www.volevofarelasegretaria.com

Nel 2013 pubblica il secondo romanzo: “Vado a Napoli e poi… MUOIO!” edito da SensoInverso Edizioni.
Visita il sito: www.vadoanapoli.com

Nel 2014 il suo raccontoIl suono del tempo” viene selezionato e pubblicato nell’antologia “Scrivendo Racconto – Nord” edito da Historia.

Nel 2015 scrive il racconto “Ammore amaro” per il progetto culturale “Napoli da ora in poi”  che comprende il CD omonimo  e il brano “Mare Amaro” composto e interpretato da lei.
Ascoltalo su SPOTIFY o su SoundCloud.

Ai miei lettori…

Non c’è niente da fare: non mi abituerò mai al tourbillon di sensazioni che provo all’uscita di un mio nuovo romanzo. Oscillo tra la felicità e il panico poiché per me un romanzo è come un figlio. E questo è il terzo. Incredibile ma vero.
Incredibile non perché io ritenga che non meriti, altrimenti non mi sarei mai permessa di pubblicarlo. Incredibile perché, ultimamente, trovare un editore che si sobbarchi in toto l’onere della pubblicazione è diventata un’impresa ardua, per non dire estenuante.
Ma io l’ho trovato. Ho impiegato oltre due anni, ma ci sono riuscita. Ho trovato un editore che ha creduto nel mio manoscritto senza condizioni. Ed è per questo che ringrazio Segmenti, nella persona del prof. Luigi Di Giuseppe, per avermi scelta.
Mi sento fiera, onorata e molto, molto fortunata.
E quindi oggi sono qui, davanti a voi: una donna con il cuore in fibrillazione e una gioia che a stento riesco a contenere, per presentarvi questo mio nuovo lavoro.
Spero che vorrete bene a Giuseppe, il protagonista, quanto gliene ho voluto io.
Lui è un uomo come tanti, e come tanti di noi speciale, poiché ogni vita in fondo lo è. E anche se la sua l’ho solo immaginata è stato bello aiutarlo a ricordare, rivivere insieme a lui la mia Napoli dagli anni ‘60 ai ‘90; accompagnarlo nella sua crescita; osservarlo gioire e soffrire per amore; ridere delle goliardate in compagnia dei suoi migliori amici; condividere con lui il sentimento per una città unica al mondo, capace di risorgere sempre dalle ceneri dei disastri che l’hanno afflitta, piegata, mai vinta. Città che ha dato i natali al suo cantore: Pino Daniele, e a giovani uomini coraggiosi come Giancarlo Siani.
Insomma, Giuseppe aveva una vita piena e intensa, fino a quando… è fuggito a New York.
Perché? Da chi? Da cosa?
E poi? Cosa lo ha riportato di nuovo nella sua città, all’improvviso, trascinandolo su quella terrazza panoramica per ricordare? Ricordi colorati, ricordi amari, dolci, struggenti e arrabbiati. Ricordi che, sul finale, lo porteranno a una rivelazione inaspettata. Sconvolgente e sorprendente.
Eh sì poiché, forse non lo sapete, ma la prima a sorprendersi di tanti accadimenti sono stata io. La prima a piangere, a sorridere. La prima a sussultare quando all’improvviso un nuovo personaggio, mai immaginato, faceva capolino tra le pagine. Sempre io.
E quanto è stato bello conoscerli tutti, vederli esistere, ognuno con il suo carattere e le sue caratteristiche. Come in un film.

Ma adesso basta. Se siete curiosi non vi resta che leggere il mio “Mosaico napoletano”. Un mosaico di emozioni che spero vi facciano vibrare.
Come sempre aspetto le vostre foto con il libro e i vostri commenti per pubblicarli su questo sito.
Vi saluto ringraziandovi con il cuore, perché se questo piccolo miracolo è accaduto è stato soprattutto grazie a voi, che in questi anni mi avete sostenuto e incoraggiato. Non mi stancherò mai di ripeterlo.
Grazie, miei cari lettori e amici.

La vostra

Daniela